Satana in Italia

Fatima e altri spettacoli






Miguel Martínez

Per agevolare la lettura, questo articolo è stato diviso in sei parti.

Alla parte precedente

Alla parte successiva





La profezia di Fatima e altri spettacoli

L'ideale del monoteismo è la pace nella totale applicazione della legge del Libro. Ma finché la pluralità della vita non è domata, il mondo si trova disunito, radicalmente diviso tra la schiera degli eletti e quella dei devianti. Proprio perché lo scopo del monoteismo è imporre la pace universale, può solo condurre una guerra che converta o annienti totalmente l'altro, cioè il mondo intero, che va redento.

Il racconto della guerra monoteista è drammatico, proprio alla maniera del cinema d'avventura, in cui sappiamo che l'eroe alla fine vincerà, ma dove in ogni istante la catastrofe sembra incombere. Il racconto del conflitto tra Dio e Satana è necessariamente apocalittico: parla cioè dei "tempi ultimi", che poi sono anche i "tempi nostri".

Padre Baget Bozzo esprime la stessa urgenza che è stata ripetuta all'infinito nel corso degli ultimi duemila anni. visto che

"II fatto che la potenza politica di Satana si sia manifestata con il suo massimo vigore nel XX secolo, indica che sono più vicini i tempi di quell'ultimo potere tirannico che il ritorno di Gesù Cristo annienterà?" [1]

Certamente la forma più affascinante assunta in tempi recenti da questo mito è la narrazione di Fatima. Fatima è innanzitutto una visione, anche in senso lato: le figure bucoliche dei pastorinhos con la loro santa miseria, il viso asessuato e il corpo rigido e carico di abiti della Madonna e la curiosa danza del Sole.



giovanni paolo II fatima

Bisticcio linguistico: il visitatore italiano resta perplesso di fronte a questo cartello, all'ingresso del paese di Fátima, che indica semplicemente un centro per disabili


Non è difficile cogliere le valenze psicologiche dell'apparizione della Madre che, con viso triste, dice ai bambini (noti a generazioni di cattolici con i loro nomi. Lúcia, Francisco e Jacinta), e tramite i bambini all'umanità in generale, "Non offendano più Dio nostro Signore che è già molto offeso". E anche:

La Madonna ci mostrò un grande mare di fuoco, che sembrava stare sotto terra. Immersi in quel fuoco, i demoni e le anime, come se fossero braci trasparenti e nere o bronzee, con forma umana che fluttuavano nell'incendio, portate dalle fiamme che uscivano da loro stesse insieme a nuvole di fumo, cadendo da tutte le parti simili al cadere delle scintille nei grandi incendi, senza peso ne equilibrio, tra grida e gemiti di dolore e disperazione che mettevano orrore e facevano tremare dalla paura. I demoni si riconoscevano dalle forme orribili e ributtanti di animali spaventosi e sconosciuti, ma trasparenti e neri. Questa visione durò un momento. E grazie alla nostra buona Madre del Cielo, che prima ci aveva prevenuti con la promessa di portarci in Cielo (nella prima apparizione), altrimenti credo che saremmo morti di spavento e di terrore.
Lo spettacolo non differisce molto da quello inscenato da Steve Sylvester. Ciò che cambia è la sua legittimazione: per il sindaco di Modica, la rappresentazione dei Death SS costituisce un pericolo anche per gli adulti, mentre quella di Fatima sembra perfettamente consigliabile a bambini di sette, nove e dieci anni (come erano i pastorelli):
"Merita comunque di essere notato come essa abbia svolto una felice funzione pedagogica almeno sui due veggenti più piccoli, Francesco e Giacinta, che, alla scuola di tanta Maestra, sono cresciuti in santità e riconosciuti dalla Chiesa come beati".[2]
Chi scrive così compiaciuto è Giovanni Cantoni, reggente nazionale del movimento Alleanza Cattolica.[3]

Oggi il movimento diretto da Cantoni tesse una tela sottile, cercando di influenzare - e a volte determinare - la politica del governo Berlusconi in materia di scuola, "famiglia", immigrazione e rapporto con le cosiddette "sette," in nome della "carità politica."

Alleanza Cattolica - che oggi può contare anche su un viceministro, Alfredo Mantovano - persegue da decenni una politica di "entrismo", tra l'altro attraverso la creazione di organismi satellite. L'ISIIN - Istituto Storico dell'Insorgenza e dell'Identità Nazionale - ad esempio si occupa di creare un mito fondante per l'identità italiana alternativo al Risorgimento e alla Resistenza.

Ma la creatura più importante di Alleanza Cattolica è senz'altro il CESNUR - Centro Studi Nuove Religioni - che è diventato il principale referente per le autorità e i media in materia di "sette". Il direttore del CESNUR, l'avvocato Massimo Introvigne, presenta la sua organizzazione come se fosse un centro di ricerca obiettivo e distaccato. quindi utile leggere su una pubblicazione riservata ai "militanti" di Alleanza Cattolica la seguente affermazione:

Così i militanti di Alleanza Cattolica, con altri, hanno fondato e tuttora animano il CESNUR, il Centro Studi sulle Nuove Religioni [...]. Da oltre un decennio Alleanza Cattolica, con la propria sigla e sotto la propria responsabilità, ha promosso diverse centinaia di incontri, di seminari e di conferenze, dove i problemi dei nuovi movimenti religiosi in generale [...] vengono esposti nelle loro linee essenziali e nel contesto di una risposta apologetica, che non trascura mai di risalire al quadro più ampio della lotta drammatica fra evangelizzazione e anti-evangelizzazione, quindi, nel linguaggio della scuola cattolica contro-rivoluzionaria a cui Alleanza Cattolica più particolarmente si ispira, fra Rivoluzione e Contro-Rivoluzione.
Il CESNUR e Alleanza Cattolica rientrano quindi in pieno nella logica della cosiddetta scuola della "Contro-Rivoluzione", le cui radici risalgono a De Maistre. ma che ha avuto una notevole diffusione militante nel mondo grazie al brasiliano Plinio Corrêa de Oliveira, fondatore della "Società per la difesa della Tradizione, Famiglia e Proprietà" o TFP. e maestro indiscusso di Alleanza Cattolica. "Civiltà cattolica è l'ordinamento di tutte le relazioni umane, di tutte le istituzioni umane, e dello stesso Stato, secondo la dottrina della Chiesa",[4] afferma Plinto. Secondo lui, Dio ha creato l'uomo in un mondo felice e gerarchico, in cui alcuni obbediscono e altri danno ordini.
Ma se una persona cede in qualcosa ai vizi del l'orgoglio e dell'impurità, si comincia a creare in essa un'incompatibilità con diversi aspetti della Chiesa e dell'ordine dell'universo. Questa incompatibilità può iniziare, per esempio, con un'antipatia nei confronti del carattere gerarchico della Chiesa, poi estendersi e arrivare alla gerarchla della società temporale, per manifestarsi più tardi rispetto all'ordine gerarchico della famiglia [...]. L'uomo impuro, generalmente, incomincia a tendere verso il liberalismo: lo irrita l'esistenza di un ordine, di un freno, di una legge che circoscriva il debordare dei suoi sensi [...]. Tanto dall'orgoglio, quanto dal liberalismo, nasce il desiderio di uguaglianza e libertà totali, che è la sostanza del comunismo.

Nasce cosi la "Rivoluzione", un fenomeno trascendente che merita sempre, al contrario delle rivoluzioni vere, la maiuscola:

È facile vedere la parte della Madonna nella lotta fra la Rivoluzione e la Contro-Rivoluzione [...]. Il suo aiuto è indispensabile perché non vi sia Rivoluzione, o perché questa sia vinta dalla Contro-Rivoluzione [...]. La devozione a Maria è condizione sine qua non perché la Rivoluzione sia schiacciata, perché vinca la Contro-Rivoluzione.

La Rivoluzione non è frutto della semplice malizia umana. Quest'ultima apre le porte al demonio, dal quale si lascia eccitare, esacerbare e dirigere [...j. La parte del demonio nell'esplosione della Rivoluzione è stata enorme.

Centrale nel pensiero di Corrêa de Oliveira è proprio il ruolo della profezia di Fatima. Il passaggio alla politica "contro-rivoluzionaria" sarebbe implicita nella seconda parte del "segreto di Fatima". Parlando con "bontà e tristezza", la Madonna dice:
Avete visto l'inferno dove cadono le anime dei poveri peccatori. Per salvarle, Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al Mio Cuore Immacolato [...]. Se accetteranno le Mie richieste, la Russia si convertirà e avranno pace; se no, spargerà i suoi errori per il mondo, promuovendo guerre e persecuzioni alla Chiesa. I buoni saranno martirizzati, il Santo Padre avrà molto da soffrire, varie nazioni saranno distrutte. Finalmente, il Mio Cuore Immacolato trionferà. Il Santo Padre Mi consacrerà la Russia, che si convertirà, e sarà concesso al mondo un periodo di pace.
Questo racconto in cui immagini di indubbia efficacia operano sulle emozioni accompagnate da parole elementari vuole essere anche una guida alla storia dell'ora presente. La "guerra civile europea" del Novecento si trasforma nell'ennesima versione del conflitto tra la "la Città di Dio e la Città del Demonio".

Un'idea che si esaspera certamente nel mondo della destra contro-rivoluzionaria, ma cui sembra aderire lo stesso Papa Giovanni Paolo II:

"La lotta tra il regno del male, dello spirito maligno, e il Regno di Dio [...] non è finita. entrata soltanto in una tappa nuova, anzi nella tappa definitiva. In questa tappa la lotta perdura nelle generazioni sempre nuove della storia umana".[5]

L'8 ottobre 2000, in piazza San Pietro, nel corso della concelebrazione per il Giubileo dei Vescovi, Papa Giovanni Paolo II, affidando il millennio venturo a Maria in presenza dell'Immagine della Madonna di Fatima, ha riproposto la prospettiva drammatica della storia degli uomini: "Oggi - ha detto - come mai nel passato, l'umanità è a un bivio".[6]

Alla parte successiva





NOTE

[1] L'Anticristo, Milano, 2001. Questa considerazione non impedisce a don Baget Bozzo di schierarsi pubblicamente a favore dell'unica superpotenza rimasta sul pianeta, gli Stati Uniti.

[2] Giovanni Cantoni, "Fatima e la Contro-Rivoluzione del secolo XXI", Cristianità n. 301-302 (2000).

[3] Giovanni Cantoni ha svolto un ruolo di primo piano nella diffusione della cultura di destra - sia cattolica che esoterica - in Italia. In proposito cfr. Giovanni Tassani, La cultura politica della Destra cattolica, Coines Edizioni, Roma, 1976.

[4] P. Corrêa de Oliveira, Rivoluzione e Contro-Rivoluzione, Cristianità, Piacenza, 1977, pp. 96-97.

[5] Giovanni Paolo II, "Omelia nella Messa in preparazione alla Pasqua per gli universitari", del 26 marzo 1981, n. 3, in Insegnamenti di Giovanni Paolo II, vol. IV, 1, pp. 784-793 (pp. 788-789).

[6] Id., Atto di affidamento alla Beata Vergine Maria, dell'8 ottobre 2000, n. 3, in L'Osservatore Romano, 9/10 ottobre 2000.



Gli articoli apparsi originariamente su questo sito possono essere riprodotti liberamente,
sia in formato elettronico che su carta, a condizione che
non si cambi nulla, che si specifichi la fonte - il sito web Kelebek http://www.kelebekler.com -
e che si pubblichi anche questa precisazione
Per gli articoli ripresi da altre fonti, si consultino i rispettivi siti o autori




e-mail


Visitate anche il blog di Kelebek

Home | Il curatore del sito | Oriente, occidente, scontro di civiltà | Le "sette" e i think tank della destra in Italia | La cacciata dei Rom o "zingari" dal Kosovo | Il Prodotto Oriana Fallaci | Antologia sui neoconservatori | Testi di Costanzo Preve | Motore di ricerca