image 2001 - photostogo.com
 White House Home
 Newsroom & Events
 Department of Faith
 Homeland Security
 The First Lady
 Patriotic Initiatives
 Bush Administration
 FOR KIDS ONLY!
 White House History
 Virtual Tours
 The Gift Shop
 Feedback

THE WHITE HOUSE
L'IRAQ   IN   BREVE

testo originale in inglese






NOME: Repubblica dell'Iraq
FATTI PRINCIPALI:
437.072 km2 di arido deserto. Nemico giurato degli Stati Uniti e dei bianchi in tutto il mondo. Abitato esclusivamente da terroristi arabiaci e da islamoidi non salvati, che complottano spudoratamente per trattenere come ostaggi le vaste riserve di petrolio americano che conservano a gran profondità sotto la loro inutile nazione.
POPOLAZIONE: 23.331.985 (stima del luglio 2001)
RAZZA: Arabiaca/bruna
RELIGIONE:
Nostro Signore e Salvatore Sua Santità Gesù Cristo non è il benvenuto in Iraq. Il culto del dio lunare Allah [1] è obbligatorio. Le Bibbie vengono adoperate regolarmente dalla popolazione come legna da ardere e come carta igienica.
IGIENE:
Come i gatti, gli irachiani si bagnano soprattutto nella polvere e si puliscono il pelo a vicenda usando la lingua.
SPORT:
In Iraq, non si praticano il football americano, il baseball, il basketball o l'hockey. Come nella maggior parte delle nazioni inferiori, va di moda il calcio, ma il gioco preferito è la "palla martire", in cui due squadre di quindici giocatori competono carponi per spingere il testicolo semiputrefatto di una capra attraverso un campo minato pieno di scorpioni.
GOVERNO:
Repubblica. Primo Ministro SADDAM Hussein (dal 29 maggio 1994); Vice Primi Ministri Tariq Mikhail AZIZ (dal 1979), Hikmat Mizban Ibrahim al-AZZAWI (dal 30 luglio 1999), Ahmad Husayn al-KHUDAYIR (da luglio 2001), e Abd al-Tawab Mullah al-HUWAYSH (da luglio 2001)
GEOGRAFIA:
l'Iraq è sostanzialmente nient'altro che decine di migliaia di chilometri quadri di montagne di terriccio cotto al sole in cui vivono innumerevoli selvaggi muslamici che si accoppiano ferocemente e in maniera indiscriminata per riempire i ranghi dei vasti eserciti irachiani di terroristi non ancora adolescenti.
ALIMENTAZIONE:
I cibi fondamentali sono la carne di cammello, le lenticchie e lo yogurt. Inoltre, il 53% degli irachiani pratica il cannibalismo. I feti abortiti spontaneamente e le bambine vengono regolarmente arrostiti interi e serviti con turshi, un misto di vegetali sotto aceto molto apprezzato.
STORIA:
L'attuale Iraq occupa la maggior parte dell'antica terra della Mesopotamia. La storia ci racconta che i Mesopotomiaci erano praticanti libertini [2] della bestialità i quali - migliaia di anni prima che il mite pluralista Cristoforo Colombo scoprisse gli Stati Uniti - lavoravano senza posa, tessendo bandiere americane con capelli e fibre di cespugli del deserto, per poi BRUCIARLE!
ARCHITETTURA:
Ispirate soprattutto al design del casinò "Taj Mahal" di Donald Trump ad Atlantic City nel New Jersey, la maggior parte delle strutture irachiane sono costruite con mattoni seccati al forno fatti di escrementi umani e decorati con le ossa di bambini cristiani lasciate a sbiancare nel deserto.
LINGUE: Inglese (anche se fanno finta di non capirlo), arabo
ARTI:
Sebbene circa il 75% degli uomini irachiani siano omosessuali con tendenze artistiche, il paese non produce alcuna arte originale propria. Sono però diffuse le riproduzioni di arte straniera: quelle più vendute includono il "Piss Christ" di Andres Serrano e la "Santa Vergine Maria" ricoperta di escrementi di elefanti di Chris Ofili.
FESTIVITÀ:
Civili: Capodanno, Giornata del Gas Tossico (6 gennaio), Giornata di Al Gore (31 marzo)
Religiose: Ascensione del Dio Lunare, Giornata del geyser dell'olio minerale per motori 10W-40, Giornata di Ringraziamento a Ponzio Pilato.
Festività Suprema: 11 settembre, quando l'intero paese se la spassa sghignazzando compiaciuto sotto i burka e sotto luride barbe. Celebrano in segreto la propria brillante furbizia nell'essere riusciti a convincere il mondo che i sauditi, Osama bin Laden e Al Qaeda siano stati i responsabili di ciò che il vostro Presidente oggi sa essere stato un complotto irachiano al cento per cento.
ECONOMIA:
L'economia dell'Iraq è dominata dal petrolio. Mentre un embargo decennale da parte delle Nazioni Uniti ha fatto molto per indebolire l'economia irachiana, un contratto del valore di 73 milioni di dollari con la Halliburton Corporation [2] del Texas è riuscito a dare vigore ad ambiziosi programmi di armi di distruzione totale.



NOTE

[1] Una convinzione diffusa tra decine di milioni di americani - grazie all'instancabile opera dell'instacabile predicatore fondamentalista cristiano Robert Morey - è che Allah non sarebbe lo stesso Dio degli ebrei e dei cristiani, ma un satanico "Dio lunare" (Moon God). Alla base di questo ragionamento, che permette letteralmente di demonizzare un miliardo di esseri umano, un gioco di parole: in arabo "Allah" vuol dire "il dio", un dio degli antichi semiti preislamici era il dio lunare Sin, quindi "il dio" deve essere lui. Ovviamente Morey dimentica opportunamente che "Allah" è il nome anche della divinità che adorano i cristiani di lingua araba.

[2] Il testo inglese fa un riferimento all'ACLU, la American Civil Liberties Union che si batte da molti decenni per le libertà individuali; un'istituzione che si potrebbe paragonare, lontanamente, al Partito Radicale vecchio stile.

[3] La Halliburton Corporation è un gigantesco complesso economico-militare-petrolifero che vive in gran parte di appalti militari, diretto per anni dall'attuale vicepresidente Dick Cheney.


State leggendo la traduzione in italiano, sul sito Kelebek, di un articolo in inglese. L'URL originale è http://whitehouse.org/iraq/facts.asp. Abbiamo conservato tutti i link originali, in modo da permettere di accedere direttamente al sito "Whitehouse.org". Per un commento - in italiano - a questo testo, cliccare qui. Prima di riprodurre questo testo, sarebbe corretto chiedere a Whitehouse.org.

I termini come "irachiano" non sono refusi, ma voluti!






Civili irachiani compiono un rituale di magia nera per indurre mutazioni genetiche nei feti americani


Ghignante soldato irachiano si appresta a lanciare un'arma di distruzione finale


Tipico maschio irachiano si appresta a mangiare il fegato della propria madre

visitor privacy policy | web site accessibility | links | reader mail | link to whitehouse.org | whitehouse.org web team
2001-2002 - a chickenhead productions parody - disclaimer & terms




e-mail


Home | Il curatore del sito | Oriente, occidente, scontro di civiltà | Le "sette" e i think tank della destra in Italia | La cacciata dei Rom o "zingari" dal Kosovo | Il Prodotto Oriana Fallaci | Antologia sui neoconservatori | Testi di Costanzo Preve | Motore di ricerca | Kelebek il blog