L'assassino è il maggiordomo:
la riforma Berlinguer
settima parte
 



Per agevolare la lettura, questo articolo di Costanzo Preve è stato diviso in nove parti.

All'introduzione

Alla parte successiva




7. Il cavallo di Troia: il nuovo esame di maturità.

Il nuovo burocrate postmoderno e postcomunista, per essere precisi, ha abolito per decreto il glorioso termine di Maturità, facendolo scomparire e sostituendolo con un anonimo nuovo esame di stato. Ma qui vi sono almeno due diversi furfanteschi inganni. In primo luogo, il vecchio termine di Maturità (Mundigkeit) risaliva addirittura al vecchio Kant del 1784, e non aveva nessun carattere classistico, ma pienamente universalistico, cioè illuministico.

Esso intendeva significare che la maturità non consiste nella vecchiaia anagrafica o nell'anzianità, ma consiste nell'indipendenza e nell'autonomia di pensiero, per cui il diciottenne che acquisisce questa indipendenza e questa autonomia critica di pensiero è appunto maturo. Si noterà che qui si uniscono felicemente le due componenti illuministica della autonomia critica di pensiero e romantica della valorizzazione della gioventù e del ringiovanimento del pensiero (Verjungen).

normale che nichilisti ricattabili come Luigi Berlinguer aboliscano questo richiamo critico del pensiero, legato al termine di Maturità, perché i loro nuovi padroni, gli oligarchi finanziari, non hanno bisogno di una lenta cultura critica, ma di una veloce cultura flessibile di consumatore (e si vedano le considerazioni di Lucio Russo nel già citato ottimo Segmenti e Bastoncini).

Ma vi è un secondo punto da rilevare in questa mistificazione. Proprio mentre si abolisce in modo suicida e luddistico il vecchio sensatissimo termine di Maturità e si parla solo sobriamente di esame di Stato, proprio ora lo stesso esame di stato viene abolito, nel senso che vengono distrutti quegli elementi di omogeneità formale e di universalità che fanno appunto di un esame di stato un esame di stato (e si veda nei dettagli la cosiddetta Terza Prova, eccetera).

Tutto questo non è peraltro per nulla casuale. Il fine dei riformatori, in pieno accordo con una concezione integralmente mercatistica di domanda-offerta fra individui flessibili ed aziende-imprese, è l'abolizione di ogni valore legale dei titoli di studio. Per il momento non vi sono ancora le condizioni politiche per ottenere questo risultato, ma non si può negare che un buon passo avanti in questa direzione lo si può compiere con l'aumento della casualità e la diminuzione della omogeneità nelle prove d'esame. Nel contesto di una cosciente distruzione degli stati nazionali in favore di un cosmopolitismo aziendalistico integrale non è infatti opportuno lasciare ad una istanza politico-culturale separata (la struttura scolastica) ciò che deve essere sovranamente giudicato dalla sola istanza economica consentita (l'azienda-impresa).

Berlusconi non ci sarebbe riuscito, e non certamente perché questo pescecane ci tenesse alla cultura classica o all'illuminismo (che sostituirebbe immediatamente con spot pubblicitari se questo gli rendesse qualcosa), ma perché il suo esclusivo interesse a tenersi Canale 5 ed a non farselo prendere dal pescecane Cecchi Gori appoggiato dall'Ulivo avrebbe fatto sì che non avrebbe osato toccare un meccanismo economicamente indifferente, per non attirarsi addosso inutili guai.

Ma invece Berlinguer, erede del processo segnalato nel quinto paragrafo di decennale suicidio mimetico-proletario e sindacalistico della categoria degli insegnanti, è in grado di attuare questa operazione. Per la loro conoscenza del territorio, e per il trovarsi già sul luogo, i maggiordomi sono i killer ideali.

alla parte successiva


Gli articoli apparsi originariamente su questo sito possono essere riprodotti liberamente,
sia in formato elettronico che su carta, a condizione che
non si cambi nulla, che si specifichi la fonte - il sito web Kelebek http://www.kelebekler.com -
e che si pubblichi anche questa precisazione
Per gli articoli ripresi da altre fonti, si consultino i rispettivi siti o autori








e-mail


Visitate anche il blog di Kelebek

Home | Il curatore del sito | Oriente, occidente, scontro di civiltà | Le "sette" e i think tank della destra in Italia | La cacciata dei Rom o "zingari" dal Kosovo | Il Prodotto Oriana Fallaci | Antologia sui neoconservatori | Testi di Costanzo Preve | Motore di ricerca