Le buffe avventure
di Aldo Torchiaro (III)
 



Miguel Martínez   

Per agevolare la lettura, il testo è stato diviso in undici parti.
Alla prossima parte
All'introduzione





giovedý, 08 settembre 2005

La Madre di Tutti i Polli

aldo torchiaro


Il mondo oggi è intasato da associazioni e da comunicati stampa, e qualunque cosa fai, scompare nel nulla mediatico.

Quindi, per dare una mano agli amici che volevano lanciare l'Islamic Anti-Defamation League e sfondare il muro di silenzio, si doveva fare qualcosa di veramente clamoroso.

Perché abbiamo scelto Aldo Torchiaro per fare la prima campagna congiunta di viral marketing islamo-neocon della storia?

Devo confessare che uno dei motivi principali è stata la faccia di Aldo Torchiaro. Sembra uno a cui potresti vendere il Colosseo due volte. Lo so, non bisogna giudicare le persone in base all'aspetto fisico, ma questa volta è innegabile che ci abbiamo indovinato oltre ogni aspettativa.

Mai ci saremmo attesi un successo di questa portata, senza aver dovuto spendere una lira.

Sapevamo solo che Aldo Torchiaro era fissato con il Campo Antimperialista, uno dei promotori (non l'unico) del Convegno di Chianciano. Ora, io ho scoperto che quelli che si fissano con il Campo Antimperialista sono molto simili a quelli che si fissano con gli UFO. Gli puoi spacciare la foto della pentola a pressione della nonna, dicendo che si tratta di un'astronave piena di extraterrestri.

Il colpo di genio (mi permetto di dirlo, perché l'idea non è stata mia) è venuto dopo il post in cui parlavo della denuncia sporta dagli organizzatori della Conferenza di Chianciano contro Aldo Torchiaro, che li accusava di comprare "tritolo, kalashnikov e berette nostrane."

Ora, c'è un meccanismo con cui puoi far scattare a comando un neocon: gli confezioni un complotto "islamo-comunista". E' bastato mettere insieme le due cose: l'IADL e i comunisti antimperialisti.

Per farlo, ci siamo dovuto arrampicare sugli specchi, inventandoci un presunto "incarico" dato dal Campo Antimperialista all'IADL.

Era il nostro tallone d'Achille - sarebbe bastato chiedersi una cosa ovvia: come mai il Campo, che ha diversi avvocati propri, dovrebbe rivolgersi all'IADL; oppure, perché mai l'IADL avrebbe dovuto accettare un incarico da parte di un movimento che non c'entra niente con loro.

Infatti qualche commentatore più sveglio ha notato la cosa sul blog di Aldo Torchiaro, facendoci tremare per un momento.

Se Aldo Torchiaro fosse stato un vero giornalista, avrebbe mandato una mail chiedendo al Campo se fosse vera la storia dell'incarico. E tutta la beffa si sarebbe sgonfiata miseramente. Abbiamo confidato un po' avventatamente sulla sua stupidità, e bisogna dire che abbiamo avuto fortuna. Anche perché il linguaggio un po' contorto del messaggio di Halima Barre, e la frase un po' strana sulla "lunga corda", hanno sortito esattamente l'effetto sperato.

Aldo Torchiaro (e non solo lui) è inciampato come un toro infuriato. Su una lunga corda rosso saraceno.

Chiediamo scusa al Campo Antimperialista per averlo tirato in ballo senza il suo permesso, ma credo che si divertiranno anche loro.

Su una cosa, il discepolo - Aldo Torchiaro - ha superato i suoi maestri - cioè noi.

E' stato Aldo Torchiaro ad affermare con sicurezza che Halima Barre fosse la... figlia di Siad Barre, e quindi a imbastire un romanzo fantasy che collegava il Campo Antimperialista alle ruberie dittatoriali del presunto padre e addirittura all'omicidio della povera Ilaria Alpi. La quale però le notizie se le cercava davvero, invece di inventarsele.

Ora, come apprendiamo dal blog di Dacia Valent, Halima Barre semplicemente non esiste.

Per noi questa fantasiosa parentela è stata una ciliegina sulla torta, assolutamente non prevista.

Oggi, l'Islamic Anti-Defamation League è uscita per sempre dall'anonimato.

Ora che è nota a mezzo mondo, potrà tornare alle proprie attività più serie, cioè a dare il proprio aiuto legale alle minoranze perseguitate.

Ma occhio, in qualsiasi momento può riaprire la cucina per polli, che funziona a pieno ritmo in Via Angelo Bargoni n. 8 – Roma, al 4° piano, tel. 06.87440137.


Si ringraziano sentitamente per il loro appoggio volontario:

  • Dacia Valent
  • Sherif
  • Halima Barre, chiunque sia (forse un brand registrato?)
  • me stesso, cioè Miguel Martinez
  • Greta Garbo
  • Abd al-Rahman Q.
  • Kanzi e Panbanisha
  • Abu Spartaco


per il loro appoggio involontario:

  • Campo Antimperialista
  • Comitati Iraq Libero
  • Guglielmo Maria Eugenio Rinaldini
  • Il Servizio Antitroll di Bynoi
  • Siad Barre
  • Il Pacco Umano
  • Serpica Naro
  • Alan Sokal
  • Léo Taxil
  • Giorgio Riboldi e Mariella Megna
  • Cesare Lombroso


per aver recitato con passione i ruoli che avevamo assegnato loro:

  • Aldo Torchiaro
    Pollo d'Oro, con menzione speciale per la frase:
              "St iamo vincendo la madre di tutte le battaglie"

  • On. Gustavo Selva
    Pollo d'Argento, considerata anche l'età avanzata, con menzione speciale per la frase:
              "Bi sognerebbe non far entrare in Italia questa gente che va nelle moschee a predicare la difesa del terrorismo in nome di Allah".

  • Mario Borghezio
    Pollo di Bronzo per aver affermato:
              "Pi sanu deve accentuare l’attenzione su tali fenomeni, perché queste associazioni di solito rimandano ad ambienti strettamente connessi ai guerriglieri di Allah, perciò non vanno presi sottogamba"

  • Ettore Pirovano
    Pollo di Ferro per aver detto che il messaggio di Halima Barre è
              "il segno che l’Islam moderato bisogna andare a cercarlo col lanternino"

  • Maurizio Gasparri
    Pollo de Coccio per aver detto che occorre
              "mo nitorare a tappeto la rete"

  • Barbara Romano
    Pollo con Patatine per aver scritto:
               "Spediscono messaggi intimidatori, stilano liste di proscrizione e, quel che è peggio, lanciano la loro fatwa via Internet [...] Sono i legionari della Iadl: Islamic anti-defamation league"

  • Dott Maulana Shaykh Abdul Hadi Palazzi Abu Omar al-Shafi’i
    Pollo Ripieno
    Detto "Er Mormone", si fregia del titolo di Prof grazie a una cattedra all’ateneo di Velletri, città priva però di università; si proclama anche Gran Cancelliere dell'Ordine e Gran Precettore per la lingua italiana del Supremo Ordine Salomonico dei Principi del Shekal. Ha scritto:
              "Mi si dice che questa signora [la Halima Barre] sarebbe la figlia del defunto dittatore stragista Siad Barre, autore di efferati ed indiscriminati massacri nei confronti del popolo somalo"

  • L'Opinione
    la Madre di Tutti i Polli

  • La Padania
    il Pollaio Rustico

  • Libero
    il Pollaio Industriale


e, ovviamente, i seguenti blog:

  • Otimaster
    Pollo alla Creola per aver scritto in inglese questo splendido gioiello in solidarietà con Aldo Torchiaro:
               "With his courage and to the aid of the blogger that have fought against the censorship and to the threats of who want that Aldo Torchiaro same in Hush, police and the Italian government are inquiring to verify the crimes happened and they make the best to protect the journalist. This is the firs time that the italian blogger with their words obtain of being listens from the institutions and with the aid of newspapers "Libero" and "L’opinione" what they have made its also to acquaintance of the public opinion."

  • Freedomland
    Pollo alla diavola, per la grinta con cui ha scritto:
               "se hanno avuto solo per una attimo l'impressione che saremo stati bravi e buoni ad aspettare che facessero a pezzi la nostra cultura (che sulla libertà si basa), allora hanno sbagliato strada."

  • Shockandawe
    SuperPollo, per le maiuscole con cui ha scritto:
              "AL DO TORCHIARO ASPETTAMI: VENGO ANCH’IO!"

  • Napoorsocapo
    Pasticcio di Pollo, per aver messo in rete questo proclama:
              "An c'hio [sic] esprimo solidarietà ad Aldo contro il proditorio attacco della Lega Ebraica Anti-Diffamazione!"

  • Orlando Furioso
    Gallo del Pollaio, per essersi distinto nel tacchinare qualunque interlocutrice donna sulle pagine di commento dei blog.

  • Herakleitos
    Pollo con anacardi, per la fantasia esotica con cui scrive:
              "ta le Halima Barre che, non ce ne voglia, noi immaginiamo in burqa".

  • Il Megafono
    Pollo Lesso, perché si chiama "il Megafono" e ha scritto lapalissianamente:
              "Fa cciamo sentire la nostra voce".

  • Krillix
    Pollo Marinato, per la lunga elaborazione che sicuramente è stata necessaria per scrivere:
              "So lidarietà al compagno Torchiaro. L'ho ridetto. Noi siamo con lui e non abbiamo paura. Anche perché come dice Oriana Fallaci nel suo romanzo, Un Uomo: “La libertà è un dovere. Prima che un diritto è un dovere”.

  • Galileo
    Pollo ai Cinque Sapori, per gli arditi accostamenti sensoriali nella frase:
               "Bisogna fare rumore e mettere in luce la cosa"

  • Carlo Menegante
    Pollo allo Spiedo, per aver detto, decisamente in un altro contesto:
              "La prova che l'islam non è solo integralista e con le fette di kebab sugli occhi".

  • Tocque-ville
    Pollo in Fricassea, per aver messo insieme un po' tutto e tutti:
              "Al do Torchiaro, con il quale - ripetiamo! - noi siamo d'accordo, ha ricevuto moltissimi attestati di stima dopo le aberranti minacce che la islamofascista Halima Barre gli ha rivolto via blog."

  • Gianmario Mariniello
    Pollo alla Fiamma, per il suo ruolo di dirigente nazionale di Azione Giovani e per la frase:
              "to lleranza zero con gli estremisti!"

  • Zivago
    Pollo alla Cacciatora, per le decise parole:
              "Se lo metta bene in testa Halima Barre"

  • Alcestis
    Pollo Piccante in Casseruola, per l'entusiasmo con cui scrive:
              "Ab biamo messo su una grandiosa squadra di supporters in tempi brevissimi, e la notizia si è diffusa ovunque!"


Si accettano offerte in denaro per l'Islamic Anti-Defamation League da tutta questa "grandiosa squadra di supporters", da inviare sul conto: 16655037 Bancoposta, intestato a SCORE Italy.

Gli articoli apparsi originariamente su questo sito possono essere riprodotti liberamente,
sia in formato elettronico che su carta, a condizione che
non si cambi nulla, che si specifichi la fonte - il sito web Kelebek http://www.kelebekler.com -
e che si pubblichi anche questa precisazione
Per gli articoli ripresi da altre fonti, si consultino i rispettivi siti o autori




e-mail


Home | Il curatore del sito | Oriente, occidente, scontro di civiltà | Le "sette" e i think tank della destra in Italia | La cacciata dei Rom o "zingari" dal Kosovo | Il Prodotto Oriana Fallaci | Antologia sui neoconservatori | Testi di Costanzo Preve | Motore di ricerca | Kelebek il blog